BigAwardShitMum

Le madri sbagliate.
Mia madre ha da poco conseguito il premio della madre sbagliata del nuovo millennio doppiando quello che tra poco si aprirà ossia il primo ventennio, ma era già in pole position il secolo scorso.
Ve lo ricordate il 900 novecento ? Quel secolo in cui sono successe tante cose e si sono formate le menti delle teste di serie che ci governano oggi giorno? Senza citarli uno per uno, insomma mentre le vostre mamme portavano a casa il premio Miglior Casalinga che stacca le mattonelle e passa l’ aspirapolvere sotto, il premio Madre Dumbo quella che sa ascoltare senza predicare, Madre Pusher che ti da l’ adrenalina con la coccolina.
Ecco mia madre era sintonizzata sul canale avverso in cui si recuperano dati per cercare di sminuire una figlia, farla sentire incapace se fa qualcosa e in colpa se va via.
E tutto ciò le è valso un Golden Globe come Ostility Mother Mum 2018.
Ovviamente si è subito candidata anche in questi primi giorni del nuovo anno con molteplici caratteristiche che non vi anticipo.

Ma il web le è ostile, volente o nolente le devo confermare che ci sono madri che le fanno una concorrenza spietata, una in particolare modo.
Ora che si apre il nuovo anno e che nei vostri bei blog buonisti leggo tanti gentili propositi devo, sento di dovere per forza di cose oppormi lacerando la rete con un po’ di sana cattiveria.

Si sì sì ho messo in pubblicazione un libro sulla Grazia.
Ma non sono buonista.
Nemmeno malefica.
Sono un elemento sincero.
Molto sincero.
Per cui se volete leggermi un po’ di bicarbonato, due gocce di limone e miele e continuate altrimenti fermatevi qui.
State continuando ?
Ecco ecco.
Il sinceriamo è una Materia Infame sul web.
L’ idea di questo che sto scrivendo l’ avevo in una forma embrionale da molti mesi, scrissi e diressi almeno quattro articoli di questo blog cercando di rispondere a una cosa capitata su Instagram.

Prima dell’ Avvento del Libro di cui sopra, avevo una sola foto su Instagram un bagno, nello specifico il mio ai monti, il lavabo, uno specchio gentile con cornice e fiori e un comodino multiuso stop.

Per promuovere il Libro di cui su, introdussi altre foto, varie e non specifiche, altre a tema infanzia, e raggiunsi o almeno tentai i pochissimi blogger che seguivo.

Pamf.
Un guaio.

È sempre il solito stornello i blogger soprattutto quelli Desnudi, cioè molto ma molto accurati particolareggiati, minuziosi, non vogliono che ti avvicini troppo, solo lievi applausi, lievi, auguri e partecipazione gaudente.

Ogni critica non è richiesta, mai.

E dico mai.
E invece io da inguaribile sincera ho criticato.
Una sola volta.
In effetti ho cercato di salvare una persona dallo sfracellarsi facendo cose stupide che potevano nuocere a se stessa e ai propri bambini.
Senza mai dire la parola stupida.
Ovviamente.

Risultato la gogna.
Per chi ? Per lei ? No macché il web punisce chi Vuole Aiutare.

Me.
Chi con una critica, aka consiglio vuole fermare, frenare avvisare, allertare.
Sono stata sbirciata da quasi 400 persone quel mese e due successivi, un tran tran che non si era visto mai.
Alcuni mi hanno dato ragione, altri ragionissima, altri hanno sparato sulla blogger manco fosse stata di cartone e pixel.
Bha.

Brutta esperienza.
Non la rifarei, no dai la rifaccio oggi agli albori del nuovo anno lancio il guanto della sfida a chi vorrà vincere il premio Pessima Madre dell’ anno 2019 e sottrarlo a mia madre, e magari anche a me, fateci un regalo, rubatecelo.

Prendetelo voi, e a questa blogger spero vada un Premio bis perché forse non ci pensa forse si sottovaluta ma sta acquistando punti, facendo il pelo e contropelo alla mia opinione sulle pessime madri.
C’è sempre chi riesce a stupirmi con effetti speciali.

Allora vediamo cosa deve fare una madre per aggiudicarsi il premio

Pessima Peggior Madre Vivente
⁃ Trascurarsi, non aver cura di coprire eventuali difetti o caratteristiche che potrebbero scioccare i propri figli, stare così all’aria perché poi si abituano anche ai film horror (diciamo la verità in questo spesso ci adagiamo tutte, fuorché la Loren che è coetanea di mia madre ma non si nota).

⁃ Far sì che le sue disavventure diventino il palinsesto della vita corale anche dei figli, tutti nella stessa barca, vite separate? Ma perché tutti insieme la vita è meravigliosa.(e anche qui mi candido perché se la mia vicina soffre della sindrome della capanna, dello zio Tom, del nido vuoto a chi lo vado a riferire se non a little baby che sta diventando un esperto di sintomatologie nervose femminili e per Carnevale già ha deciso che si trasformerà in una drag queen Trono di spade).

⁃ Avere due vite e due posti, esserci ma pensare altrove, stare altrove e pensare una disambiguazione che quelli di Wikipedia farebbero chapeau (si chiama sindrome del non luogo, o del regno di Oz, significa voler stare con zia Marta, ma scassarle gli zebedei sul fatto che fuori dal Kansas ha tutto un altro colore) ovviamente attaccare i bambini su Google map nelle trasferte).

⁃ Non rendersi conto che i figli hanno una vita loro, un’ intimità, una logica, e voler stare sempre al centro, poggiandoglisi proprio addosso, sullo sterno, (di contro ci sarebbe il levarsi d’ impaccio, fateci caso mai nessuna madre dice Me ne vado all’ Ospizio così non vi arreco disturbo, Eremizzo, divento Eremita per non esservi d’ impaccio, ovviamente quando le cose vanno stra bene ci sono mammine che si prendono i loro spazi, le loro vacanze, la loro libertà, quando prude un zigolo, no, si appoggiano, sentono la mancanza, necessitano dei figlioli scassacabazizzi, fonte di luce. ( e qui realizzo pochi punti, mai fatto vacanza in solitaria)

Dunque ora avete capito che mi sono buscata la laringite decolorando i profondamente i capelli nerissimi e stanotte non ho dormito?
Buon anno e vinca la Peggiore.image.jpeg

Annunci

20 commenti Aggiungi il tuo

  1. noir622224124 ha detto:

    Un abbraccio alla Winnie the Pooh? Ci sta? Sì!

    Mi piace

    1. Con tanto di barattolo di miele ? Ma no non è da te, il massimo della sdolcinatezza è che sto mettendo cibo e noccioline tritate sul davanzale e i pettirossi apprezzano, abbracciami nutrendo i volatili torinesi dai.

      Piace a 1 persona

      1. noir622224124 ha detto:

        Okkey😀😀😀💕💕

        Mi piace

  2. cuoreruotante ha detto:

    Hai fatto bene, ma la sincerità non mai ben accetta. Sorrisi finti si. Che schifo

    Piace a 1 persona

    1. Esiste qualcosa che è inaccettabile più della sincerità, cioè l’ aiuto, non l’ ho scritto perché ero accorata, ma due odiatrici mi diedero contro perché bisogna lasciare gli altri dove sono, mai tentare di aiutarli, sovvertire gli eventi, far ragionare, questo è negativo, la positività secondo loro è lasciare la gente dove si trova e commiserare, insistere che tutto andrà per il meglio se fanno ciò che stanno facendo.
      No è un discorso troppo lungo, se mi riesce lo scrivo, ma sono una che una volta ha aperto una porta a calci, mio padre mi raccontò di averlo fatto è risi, quando mi hanno …….invogliata mi è venuto di getto.
      Ti auguro di buttare a terra tante porte quest anno chiama se ti serve aiuto……ho ancora molti motivi.

      Piace a 1 persona

      1. cuoreruotante ha detto:

        Tu sei speciale. Non lo dico per farti un complimento gratuito, ma perché il tuo augurio mi ha travolta. Ho porte da buttare giù, ma non il coraggio per farlo. Un passo in avanti l’ho fatto ritornando sul blog dopo più di due mesi di silenzio. Le persone sanno essere molto cattive, meschine.
        Grazie di cuore per il tuo supporto

        Piace a 1 persona

      2. Cattive ? Ma no, la misura del quanto ti fai toccare, tu puoi scegliere chi può toccarti e chi no, e scegli bene, io ho provato con la meditazione a sbloccare la mente, faccio solo quello che mi fa stare bene. Tu hai un motore propulsore sotto devi imparare a usarlo bene mettilo in modalità Felicità e avvicina solo chi ti rende felice, inizia a giocare forte.

        Piace a 2 people

      3. cuoreruotante ha detto:

        Sto leggendo e rileggendo questo commento, è vero, siamo noi scegliere… devo imparare a giocare forte

        Mi piace

      4. Trova una spalla un amica, non chiuderti, può andare bene o no, ma non partire diffidente con le persone dai più chances questo tuo chiuderti con il blog è niente ma nella vita dobbiamo tutti fare squadra, ci sarà chi ci tradira chi ci ingannerà ma troveremo anche tanto amore.

        Piace a 1 persona

      5. cuoreruotante ha detto:

        Mi nutro delle tue parole, grazie ❤️

        Mi piace

  3. luisa zambrotta ha detto:

    Ti abbraccio anch’io (come madre e nell’età giusta per diventare nonna, ti confesso che anch’io ho commesso infiniti errori, tuttavia sempre sperando di agire per il meglio)

    Mi piace

    1. Mia madre a tutt oggi non ha mai fatto nemmeno la metà di questa ammissione credo godesse nel vedermelo soffrire e a tutt oggi cerco la sua approvazione non così urgente e necessaria ma ho finalmente compreso che ha giorni buoni rari ma giorni in cui è più serena e questo perché ha meno gente intorno. Due visite per Natale la stavano già spezzando in mille parti

      Piace a 2 people

  4. newwhitebear ha detto:

    la sincerità? Dicono che sia invidia ma per la sincerità è esprimere il proprio pensiero in modo garbato. Cerco sempre di farlo.
    Il libro è uscito? Di Grazia com’è?

    Mi piace

    1. Greta aveva garbo la sincerità è affilata e tagliente, la sincerità urta contro le pareti molli della stasi e del lasciarsi trasportare dagli eventi. La sincerità grida forte e pone domande indaga e tu orso sei un detective lo sai.
      Dare a una madre un premio pessimo vuol dire dare valore a un bambino che altrimenti si abituerà a venire trattato come un oggetto….potrei continuare per mesi e mi sa che dovrò farlo perché questo è un punto focale del mio libro esce esce non veloce ma esce

      Piace a 3 people

      1. newwhitebear ha detto:

        insomma la contrapposizione madre figlio in termini sinceri

        Mi piace

      2. Tutt u cuntrarie un libro collante che il super Attack ci fa un baffo

        Piace a 1 persona

  5. Paola ha detto:

    Allora ‘sto libro? Mi allineo tra le madri che hanno fatto miliardi di errori, sempre ammettendoli, sempre in buona fede, ma non so se i figli mi hanno perdonata mai. Sulla sincerità sono con te, si deve essere veramente ma veramente deboli se non si riesce ad accettare la critica

    Mi piace

    1. I figli non sono giustizieri, non sprecano nulla, nemmeno i ringraziamenti, ma devono moltissimo alla vita, ovviamente ogni tanto ripuliscono il nido di gusci vecchie piume, sterco, diciamo che le pulizie invernali le ho fatte, poi in primavera riprendo.
      Anche mia madre ogni tanto si genuflette dinanzi alla mia figura filiale, come io mi prostro dinanzi a mio figlio, ma quanto si gode nella sassaiola ?….

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...