Scrivo il Blog e mi sBlokko forse…

Dieci minuti dopo mezzodì ho di nuovo bisogno del blog, inteso come una pischera.
Ma ai nordici lo devo tradurre.
Nel sud le pischere erano pozzi, a volte poco profondi dove si facevano confluire le acque piovane dai tetti e terrazzi.
I tetti fatti a botte offrono a Google map immagini di tante tartarughe distese e sonnacchiose.
La pioggia veniva incanalata in tubi refrattari e accondiscesa verso questi pozzi dal muretto scoperto e dalla vegetazione placida.
In tempi in cui gli acquedotti non portavano acqua ovunque, nelle campagne erano l unico e solo mezzo di approvvigionamento di acque che venivano bollite e fatte filtrare attraverso dei panni.
Insomma per bere un sorso d acqua ci dovevano pensare.
C’è un palazzo storico qui che ne conserva memoria, e il blog oggi per me è una placida pischera, molto bassa quasi a livello stradale fatta a mo di piscinetta per bambini, che mio padre vedeva sempre lungo la strada e sospirava memore dei bagni fatti da ragazzo in qualunque stagione.
Allora pischera come un pozzo o come una piscinetta decidiamo.
In effetti il blog è profondo e duplice, tutti ci scriviamo qualcosa sapendo di venire sbirciati, la word press ci traduce, questo lo sapete, lavoriamo senza paga, per un datore di lavoro invisibile e gli affidiamo le nostre giornate.
Oggi voglio iniziare e mettere tutto ma proprio tutto il mio pensiero del giorno per cui Word press non attenzionarti troppo.
Meno dieci minuti alle 13 rieccomi, la pischera oggi con questo sole solo a mio padre riesco a pensare e lui c’è ho la certezza che dovrò cambiare molte cose quest anno.

Le responsabilità che mi sono accollate con mia madre mi hanno impedito di fare vacanze l estate scorsa, mare vicino non mi piace e traslocare tutti verso mari lontani la vedevo impossibile.
Siamo rimasti a casa, con il mio amico che al telefono non era d accordo.
È lui a dirmi di tagliare i capelli, di avere cura di me, essere vissuto negli States lo apre al take care o care taker……insomma si prende cura di me.
E io di lui.
Ma scrivo delle vacanze per aprire una mia riflessione sul concetto famiglia e responsabilità, chi se ne va semplicemente è un irresponsabile che non ha a cuore la vita dei suoi familiari.
O meglio è un fatalista.
Ovviamente la comunicazione telefonica oggi è all ennesima potenza, per cui ci si sente forse anche più di quando si è vicini.
Ma ci sono persone che vanno incontro alla sindrome del nido vuoto, non faccio nomi, i miei vicini, e sono tanti, una sindrome di cui non si sa nulla, ma destabilizza.

Anche io ho un nido parzialmente vuoto con mio padre che ne arreda la parte spirituale e nei sogni mi rimprovera di non dovermi occupare più di mia madre.
Il suo esempio di essersi occupato sempre di tutto quanto vale ?

Mettiamo che mia madre dovesse perdere le sue funzioni fisiologiche, allora si non potrei più occuparmene, ma non voglio pensarci, potrebbe essere presto o tardi.

Poi una cosa vorrei scriverla in calce, quando gli anziani stanno bene non sono tenuti ad andare spesso a controllo dai medici, perché stanno bene.
Dal medico bisogna andare quando si ha un problema, non è che bisogna controllarsi sempre i valori, se ci si sente bene la salute c’è.

Mia madre ha voluto saltare gli ultimi due anni di controlli perché si sente bene, di recente ha avuto un rialzo della pressione e ora ripeterà tutte le analisi quando le giornate saranno più tiepide, per il momento prende un farmaco e fa dieta sana.

Andare spesso dai medici anche per ipotesi, per check-up intesi come info, sono il campanello di allarme di una psicosi degenerativa : il non sapere come si sta e volerlo per forza chiedere a una macchinetta.
Immaginate quelle simpatiche macchinette che fanno i biglietti del treno, devi scegliere la lingua e selezionare un treno, magari ne stai perdendo un altro.

Immaginate di interrogare queste macchinette come un oracolo : Come sto ?

La macchinetta è programmata per farvi pagare il Costo di una Tratta.

Buon venerdì a tutti tra oggi e domani mi rimetto in sesto interrogherò il bagno: Come sto ? E lo specchio mi dirà : Ci devi mettere impegno.
Tutto si può ottenere e io sono determinate ad avere un aspetto da gnocca per tutto il week end, almeno fino a lunedì dai.

Segue un disegno del 1998 anno tragicomico in cui credetti di poter costruire l’amore, scivolavo con le biro su un foglio senza certezze, solo una che alla fine mi sarebbe rimasto il disegno.

Però è carino, una cozzaglia di cose, cosa è l amore ?
Vado a interrogare qualcuno? Cosa è per voi l amore ?

(Omissis apostrofale).

 

 

image

Autore: La Grazia e il contatto

Yoga e meditazione

36 pensieri riguardo “Scrivo il Blog e mi sBlokko forse…”

  1. Letto tutto il disegno è fantastico e Concordo sui temi medici trattati e Concordo che l’amore è una gran bella cosa che dovrebbe riempire buona parte dei propri pozzi👍😉

    Mi piace

      1. Scusi sign Capriolo ma quand’ è che lei mi ha inviato Amore ?
        Un gatto spelacchiato e delle riviste, e subito menziona Inferi grotteschi, venite proprio da Marte voi uomini siete incostanti.
        ( questo brano è senza dubbio devastante per stasera è la mia dose di Amore, non sempre infallibile)

        Mi piace

    1. Aspetta aspetta la cosa sull irresponsabilità di chi va via ….per lavoro o altre esigenze, è un discorso riferito a personaggi come mia madre che non sa fare la spesa, se cucina lascia il fuoco acceso acqua aperta e stasera mi dirà che non sa tagliarsi le unghie dei piedi e io genuflessa…insomma una come me non può andare da nessuna parte senza sentirsi in colpa, anche perché la suddetta mater non va d accordo con le sue sorelle e una badante passerebbe un brutto quarto d ora in sua compagnia, tanto durerebbe, non è un discorso in generale, spero tu ne faccia coriandoli come tutte le cose che uno scrive in merito a situazioni personali ovviamente. Ci tengo che non sia equivoco….ok ?

      Mi piace

      1. È complicato gestire gli anziani, come figlia non ho ricevuto niente da mia madre, ma ho visto troppe persone lasciare gli anziani negli ospizi e non andare più a riprenderli. Se la situazione dovesse farsi dura statemi vicini……già ha 86 anni a volte penso alla madre della mia amica che è mancata l anno scorso a 68 e vedo la differenza……

        Piace a 1 persona

      2. Caspita la mamma della mia l’anno scorso 66….ed era anche la ”mamma” della sua nipotina, cioè la bimba piccola della mia amica.
        Manca!
        Fortunatamente da mia mamma ho ricevuto tanto🙏
        Difficile la realtà che ci aspetta….se aspetterà💋
        Un abbraccio⭐

        Mi piace

  2. A me dicevano che mia madre era troppo anziano avendomi avuta a quarant’anni ma a quanto pare è longeva, occuparsi di una persona che si è occupata di te è più immediato, io ci devo pensare, e se non ci sono io, non lo farà nessuno. Dei miei cugini sono andati all estero a vivere senza il minimo senso di colpa, zero. Quando rientravano correvano a destra e manca senza visitare i genitori, e la chiamano famiglia.

    Mi piace

    1. Ho idea che le compresse per la pressione destabilizzino i soggetti già fragili, negli ultimi due anni mia madre non ha fatto controlli.
      Se la vedi far ordine nell armadio sembra una contorsionista del circo conosco donne giovani che non riescono a fare nemmeno la metà di quei movimenti, pulisce sotto l armadio in ginocchio e si rialza come se niente fosse.
      Al confronto sembro io la vecchietta, già da quando ero piccola me la definivano anziana, la maggior parte oggi non c’è più. Che aveva tua madre se posso ?

      Piace a 1 persona

      1. Soffriva di pressione alta ? Se le mamme fossero dolci quando stanno bene sarebbe dolce occuparsene anche quando stanno male.
        Lo vedo nei miei vicini sono andati via per evitare un domani di dover sorreggere i loro genitori. Che fanno finta di niente ma hanno accusato il colpo essendo loro vissuti su altri parametri.

        Piace a 1 persona

      2. No, aveva fumato tantissimo da giovane, quando si pensava che il fumo al massimo facesse venire la tosse. Nel suo caso era impossibile non occuparsene, ma mi sono fatta aiutare

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...