Il giovane Editore poeta nell’ Oceano Libro

kitesurfing-grenadines3.jpg

 

Qualche giorno fa ho scritto in risposta a chi scrive sul web decantando la grande e inarrivabile editoria e sminuendo il lavoro entusiasta dei piccoli editori   https://lagraziaeilcontatto.wordpress.com/2018/04/30/lode-ai-piccoli-editori/ .

Se anche il grande Umberto Eco si era a suo tempo stufato dei grandi editori, vuol dire che frasi di massima non se ne possono fare, bisognerebbe, ragionare e poi scrivere, ma solo se si è lettori, lettori per davvero.

Io ritengo che i libri, chiunque li abbia scritti e pubblicati, mi hanno salvata in molte occasioni, per cui rispetto il lavoro di tutti, anche se i grandi gruppi dell’ editoria, hanno dei manager che non brillano, e questo viene detto anche in trasmissioni come Report.

Vorrei scrivere in chiaro perchè non ho mai mandato un pdf a nessuno.

Semplice perchè non ci credevo, non ho avuto tempo, e per molto tempo ho avuto un rifiuto verso il pc.

Un giovane editore ha accolto il mio manoscritto, avete letto bene, un quadernino scritto a mano, e già questo molti grandi editori non lo fanno.

Anni fa vidi un film americano dove un grande scrittore sempre mezzo ubriaco, che passava il tempo nei bar ad annotare su tovagliolini i suoi appunti, tutto d’ un tratto stabiliva che il romanzo era completo, e andava dal suo editore, che dal panfilo gli telefonava ogni giorno, implorandolo perchè la sua ultima moglie lo stava dilapidando di ogni bene, incassato col suo ultimo romanzo, per cui aveva bisogno che gliene scrivesse un altro.

Allora, il grande scrittore, portava tutti i suoi foglietti alla segretaria che li raccoglieva manco fossero diamanti, telefonava all’ editore che stappava lo champagne e ordinava caviale.

La piccola editoria in Italia, fa il lavoro che spesso non viene nemmeno vagliato dai grandi, anche perchè non è vero che molti aspiranti autori mandano pdf ovunque.

C’è chi ci lavora per anni, c’è chi la invia con parsimonia, c’è chi non la invia affatto, metti che te la rubano e la pubblicano con il nome di un grande autore, puoi fare causa ad un colosso, per un tuo lavoro di cui non hai la copyright ?

In ogni caso il piccolo editore, ti apre la porta, ti risponde al telefono, si mostra disponibile, ti consiglia e aggiusta.

Scopri che ha pubblicato delle chicche, scopri che ha consolato cuori afflitti, scopri che oggi giorno anche un professionista ha un cuore e un anima.

Comprendi che non ci guadagna un gran che, e in fondo il suo lavoro è poesia, in rima in un mondo non in riga, dove però qualcuno ci crede ancora.

 

 

A few days ago I wrote in response to those who write on the web decanting the great and unrivaled publishing and diminishing the enthusiastic work of the small publishers https://lagraziaeilcontatto.wordpress.com/2018/04/30/lode-ai-piccoli-editori/ .

Even if the great Umberto Eco was in its time stewed by the great publishers, it means that broad sentences can not be done, we should think and then write, but only if you are readers, readers for real.

I believe that books, anyone who has written and published them, have saved me on many occasions, so I respect everyone’s work, even if the big publishing groups have managers who do not shine, and this is also said in transmissions as Reports.

I would like to write clearly because I have never sent a pdf to anyone.

Simple because I did not believe it, I did not have time, and for a long time I had a refusal to the pc.

A young editor has accepted my manuscript, you have read well, a hand-written notebook, and already this many great publishers do not.

Years ago I saw an American film where a great writer always half drunk, who spent time in the bars to write down his notes on napkins, all of a sudden established that the novel was complete, and went to his publisher, who from the yachting he telephoned every day, begging him because his last wife was squandering him of every good, collected with his latest novel, for which he needed someone else to write to him.

Then, the great writer, he took all his paperwork to the secretary who collected them was not even diamonds, he phoned the publisher who uncorked champagne and ordered caviar.

The small publishing in Italy, does the job that often is not even considered by the big, also because it is not true that many aspiring authors send pdf everywhere.

There are those who work there for years, there are those who send it sparingly, some do not send it at all, put that they steal it and publish it with the name of a great author, you can sue a giant, for your work that you do not have the copyright?

In any case, the small publisher opens the door, answers you on the phone, shows you available, advises and adjusts.

Discover who has published some goodies, find out that he has consoled afflicted hearts, discover that today even a professional has a heart and a soul.

Understand that it does not earn much, and after all, his work is poetry, in rhyme in a world not in line, but where someone still believes.

 

 

 

Praise to the small publishers Lode ai piccoli editori

On the web it’s all a tingling against small publishing, and in general against self publishing.

I feel like having to break a lance in favor, which in poor terms it should be, disarm all these detractors with the spade and send them a tariff a life without a blog, and social in which to make a flourish among them.

I think I have to work in their public office, where the public will be expected (which pays the taxes that substantiate their undeserved wages).

Saying words against it is easy, I can also do it in my infinite goodness.

But finding something good in everyone makes us live a more pleasant life.

The great publishing case is true that churn out super genes, but from time to time they are ruinous flops, in making high-sounding names, excellent novels, or even the singer who wants to be an actor, the rapper who wants to be a writer.

And of these times and also the historical and grandiose publishing houses do not pass very well, guilty of wrong publications, of a more and more suffocated audience of readers, which makes a good show of large volumes in its library, but that does not read, that uses books are furniture, a nice low glass table and oplà the last book that rides the wave, still with the film, because nobody wants or time to browse it.

The big publishers have had decades of budgets, badly invested budgets, perhaps also because their production directors have gone through blogs and facebook and tapis roulant, rather than looking for like hound dog new talented authors to offer the public, waiting impatiently, collecting books unreadable writers, whose subject is personal over the centuries.

The big publishing houses are still a span and have invented a solid marketing strategy: in their sites is a quick answer, under CONTACT US send your manuscript on pdf.

The maximum answer that can be received is that you send a lot of publicity in the mail, because your manuscript will not read anybody, there is not a manuscript reading office, or if all exists on fb, if someone does not have photos to share that day as to be posted, take a peek at the pdf, there may be Einstein who sends his work, there is nobody greeting in the press room.

Then I ceo of ‘publishing in this situation are given to the care of their confreres graduates and unemployed, on behalf of the minimum union to their employees fb, because in fact they work only for fb, twitter, instagram.

Browse the sites of publishers, and on the page WORK WITH US you will find masters and courses of all kinds, bread for the teeth of young graduates and graduates, there are masters and opportunities of all kinds even abroad, just pay, mostly.

Hundreds of thousands of places and you get a sheet in which it is written that you are smart you have given 4000 euros to the publishing industry and like the scarecrow, the wizard of Oz gives you a brain.

Now I think my tributes to the small and hard-working publishers are to be done separately.

Also because it is to be dispelled that those who publish with the big charity face, and those who publish with children have only a crazy ego.

Here’s for today everything is going to bring coffee to the marketing director who just got off the spinbyke.

 

Sul web è tutto un formicolare contro la piccola editoria, e in generale contro il self publishing.

Mi sento di dover spezzare una lancia a favore, che in termini poveri dovrebbe essere, disarmare tutti questi detrattori con la vanga e mandarli a fare una vita senza blog, e social in cui fare bisboccia tra loro.

Credo finirebbero per dover lavorare nel loro ufficio Pubblico, dove fanno aspettare il pubblico ( che paga le tasse che sostanziano il loro stipendio immeritato ).

Dire parole contro è facile, ci riesco anche io nel mio infinito buonismo.

Ma trovare qualcosa di buono in tutti ci fa vivere una vita più gradevole.

Le grandi case editrici è vero che sfornano super geni, ma di tanto in tanto hanno dei rovinosi flop, nel pubblicare nomi altisonanti, romanzi eccellenti, o anche il cantante che vuole fare l’ attore, il rapper che vuole fare lo scrittore.

E di questi tempi anche le storiche e grandiose case editrici non se la passano molto bene, colpa di pubblicazioni sbagliate, di un pubblico di lettori sempre più asfissiato, che fa bella mostra di notevoli volumi nella propria libreria, ma che non legge, che usa i libri come arredo, un bel tavolino basso di vetro e oplà l’ ultimo libro che cavalca l’ onda, ancora con la pellicola, perchè nessuno ha voglia o tempo di sfogliarlo.

I grandi editori hanno avuto decenni di flessioni di bilancio, miliardi investiti  malamente, forse anche perchè i loro direttori di produzione passano il tempo tra aggiornare blog e facebook e tapis roulant, piuttosto che cercare come segugi nuovi talentuosi autori da offrire al pubblico, che aspetta impaziente, collezionando libri illegibili di rimbombanti scrittori, il cui linguaggio si è perso nei secoli.

Le grandi case editrici devono pur tirare a campare e si sono inventati una strategia di marketing solida : nei loro siti troverete alla voce contatti, un minuscolo pulsantino con scritto invia pdf, e bacia tre volte la madonna delle grazie.

Il massimo della risposta che si può ricevere è che vi inviino nella posta tantissima pubblicità, perchè il vostro manoscritto non lo leggerà nessuno, non esiste un ufficio lettura manoscritti, o se esiste stanno tutti su fb, se qualcuno proprio non ha foto da condividere quel giorno o like da affiggere, darà una sbirciatina ai pdf, ci potrebbe essere Einstein che invia il suo lavoro, non c’è nessuno che lo porterà in sala macchine per la stampa.

Allora i ceo dell’ editoria in questa becera situazione si sono dati alla cura dei loro sfortunati confratelli laureati e disoccupati, per pagare il minimo sindacale ai loro addetti fb, si perchè in realtà lavorano solo per fb, twitter, instagram.

Sfogliate i siti degli editori, e sul paginone LAVORA CON NOI troverete master e corsi di ogni genere, pane per i denti dei giovani  diplomati e laureati, ci sono master e opportunità di ogni tipo anche all’ estero, basta pagare, perlopiù.

Centinaia di migliaia di posti e ti assicuri un foglio in cui è scritto che sei intelligente hai regalato 4000 euro all’ editoria e come lo spaventapasseri, il mago di Oz ti conferisce un cervello.

Ora credo che i miei omaggi ai piccoli e laboriosi editori siano da fare a parte.

Anche perchè è da sfatare che chi pubblica con i grandi faccia beneficenza, e chi pubblica con i piccoli abbia solo un ego pazzesco.

Ecco per oggi è tutto vado a portare il caffè al direttore di marketing che è appena sceso dalla spinbyke.

$T2eC16RHJI!E9qSO8mmlBP-FgR07+Q~~60_35