eila sono qua

Antonio 189s

sono tornata sul mini computer per scrivervi perche un po’ mi mancate, qui ho foto di dieci anni fa otto per la precisione, poi mi sono scurita i capelli li ho tagliati, sono ingrassata, dimagrita, eccetera….

vivo la mia vita sempre nel pensiero che migliore di mio padre non ce nè e ne ho avuto la riprova che un signore per trecento dollaretti mi ha rifilato una carta sbagliata.

sto demolendo cose che ha fatto fare mio padre, e non mi piace affatto, ma ho sempre il mio agente che mi fortifica dicendo che andra tutto bene.

un tipo molto lungimirante e nei prossimi tempi vi carico una sua foto.  Vanitosetto

avevo scritto due sere di fila delle cose da inserire qui ma il tablet mi faceva le bizze per cui vi faccio un sunto per evitare di spedirmi le note fin qui.

allora vivo adesso in una città di 80 mila abitanti, per tre anni in una di 5 mila ma è lo stesso vige la regola che tutti ti conoscono.

in questa città salta agli occhi se una donna oltre i quaranta va in bici e ha un fisico pazzesco, per cui la si etichetta La straniera, quella che non è di qui.

in effetti qui nessuna donna va in bici, perlomeno non tutti i giorni e non con acqua neve e gelo.

volevo bene a questa donna perchè era solare, vitale, rispettosa, elegante, ma non ci siamo mai parlate se non una volta al mercato dove si era tenuta il caschetto e mi disse che con gli annetti doveva tenersi in forma, notai le rughe e la pelle ambrata, ma una buona crema idratante…..

era arrivata fino a Tramonti in bici e da qui è una odissea spero abbia preso il treno…

non la vedevo da mesi, presagio, leggo sempre i manifesti funebri ma non mi aspettavo un epilogo cosi prematuro, per una donna cosi forte di tempra e di fisico, ho letto un nome insolito e ho cercato sul cerca amici che avresti voluto ed eccola caviglie sottili, pelle da dio, sorriso gigante, sul manifesto hanno messo una foto elegante con collana non sembra lei, ma è lei

avrei voluto dirle Ciao Rossana fermati due minuti un caffè, un tè, un saluto.

perche sono cosi schiva ? perchè mi perdo le persone migliori ?ora sembrerà stupido ma voglio scrivere alla figlia, per dirle……

sai che la tua mamma mi metteva allegria quando la vedevo passare ….

sai che vorrei darle un fiore, lo do a te….

sai che non sapevo nemmeno chi fosse ma mi sarebbe piaciuto saperlo, e mi incaxxo di non aver mai avuto nè tempo nè ….coraggio ? energia ?

dov’è la bella energia di Rossana adesso ?

dove va l’ energia di una donna tanto semplice e sportiva, aveva anche qualche sponsor sulla maglietta,

poi c’è mia zia, le voglio bene, vedo un pulmino che quasi si accappotta per fare inversione e dentro c’è la mia zietta, tre anni meno di mia madre che va a fare la dialisi, sola, scendo dall’ auto quasi per dirgliene quattro all’ autista, vedo lei piccola, rimpicciolita quasi bambina

ha il mio cappotto, il bastone e l’ autista la porta sotto braccio, l’ abbraccio e mi dice Bella di nonna, si corregge, bella di zia,

zia sono Lina

mio padre non trovava ragione per questo nomignolo, Michelina, no ho scoperto di recente che era Angelina la sua sorellina, la scrittura tremante su un foglio, ho recuperato il foglio in questi giorni che mi fanno buttare a terra le tegole e il muretto che aveva fatto mettere intorno al terrazzo, lo tengo a portata di mano, babbo il mondo è una schifezza, ma pr me è importante che ci sei tu, domenica ti compro il giornale se mi prometti di non amareggiarti troppo, anche l’ agente ti ha capito, ti sarebbe stato simpatico.

E’ onesto si leva lui quello che la ditta mi chiede in più

Mia zia sapeva tante cose della vita ma non me le ha dette, mi diceva Prega bella di zia.

immaginate di essere Dio e ascoltare preghiere che ne dite ? cantilene tutte uguali….

fossi dio direi alza le chiappe bella mia, vivi, fortificati, vai a zonzo, indaga, scruta osserva, pensa, addiziona e saprai metà del maleficio, unisciti a chi è forte e metti una maschera di cocco e liane davanti alla faccia che abbia denti aguzzi e occhi a fessura, potrai guardare il mondo e spaventarlo.

 

Le Parche editore seconda puntata della soap opera

Tanto caro mi fu questo ermo colle,nel pomeriggio spero di portarvi tutti a fare una passeggiata fotografica in giro, e se riesco nei prossimi giorni si va al mare perché lo scorso anno ce ne siamo volutamente privati e abbiamo passato un lungo inverno infreddoliti e raffreddati.
La mia cura del corpo continua e aspettando danzante la prossima uscita del libro sono riuscita a staccare una promessa al nostro editore e le copie saranno pronte la settimana prossima.
Nel mentre leggo tanto mi sto appassionando ai libri di un pensatore e vedrò di contattarlo, primo perché è il suo lavoro avere a che fare con i suoi lettori e poi perché voglio creare sodalizi con autori scrittori e curatori come me.
Bene molto bene mentre little baby mi fa il cappuccino e io cerco foto per voi vorrei invitarvi nella mia sala da tè per il momento virtuale e spero anche fisica domani prossimo, dove voglio organizzare serate, spettacoli, eventi e riunioni come gli alcolisti anonimi, come i gruppi sani che sodaliziano e affrontano la vita insieme. Poi vi cercherò un video della sit com Mom, e chiuderò in bellezza, perché il primo avatar che cercai su Facebook era una donna incinta, la simbiosi perfetta ebbene chiamate la levatrice madre di Socrate.
Little baby è un discendente in linea retta di coloro i quali ebbero inventato il fuoco, la fuga, e la risata.
In più il su parentado greco rievoca figure mitologiche divine.
Il suo bisnonno andò in Grecia per uccidere ma procreo otto infanti…..imageimageimageimagee la terra gira, quanto amiamo quello piccolo globo, la Grazia gira……

Le Parche editore

image

Aiutiamo i piccoli editori a creare la letteratura di domani.
Il mio editore poeta ha fondato la casa editrice http://leparchedizioni.blogspot.com/p/proposte-editoriali.html
È un giovane ragazzo di grande talento e di notevole cultura, ama leggere da sempre e anche se tanti della sua generazione si lanciano nelle vendita di beni di consumo più futili come tabacco, alcolici, aprono birrerie e sale scommesse, lui invece ha fondato una piccola casa editrice per dare smalto alla cultura, seppure non sia un settore nemmeno vagamente redditizio, lui ci crede.
Ho scelto questo editore perché per caso mi sono ritrovata a leggere i blog di Laura
https://laurapariseblog.wordpress.com/tag/4-you-only-the-best/
Le ho chiesto come contattare l’ editore e visto che non lavora lontano sono andata a conoscerlo di persona.
Spero che chiunque di voi che leggete questo blog diate una occhiata alla sua pagina Amazon e possiate godere dei piccoli tesori editoriali che ha pubblicato.
Vi stupirete nel trovare un uomo come Marco Bartiromo editore e poeta che pubblica libri su temi delicati e sorprendenti, autori che non sarebbero probabilmente divenuti tali senza il suo impegno e il suo lavoro, ma che sapranno ricompensarvi con ore di lettura inestimabili e preziose.
Questa è la pagina Amazon detll editore le Parche, che in realtà sarà il mio editore a breve
https://www.amazon.it/le-parche-edizioni-Libri/s?k=le+parche+edizioni&rh=n%3A411663031
Tutti insieme possiamo farcela a risollevare le sorti della buona e sana editoria.
Comprate libri perché i libri sono gli amici di cui si ha bisogno e hanno bisogno di noi per decollare come tanti aeroplanini nella Cutura e nell’ intrattenimento le due cose che rendono la vita bella e divertente.

 

 

 

 

 

image

Ricchi premi e cotillon es…….forse

Buonasera
Oggi vi parlo su come ingranare la marcia.
Visto che io non lo so fare.
Allora nella vita ci sono momenti di stop e in quelli sono brava, poi ci sono momenti di tedio, luuuunghiiii non passano mai, i momenti divertenti piccini brevi e lì si allunga con il pensiero e impegnandosi tantissimi.
Ma i momenti di svolta, di vera virata, quando dai gas e dribbli gli ostacoli ecco quei momenti mi sono capitati dai, me li sono procacciati come un orsetto lavatore che rompe le cozze stando a pancia in su sull acqua e battendo sul crostaceo un sasso.
Ingegnoso.
Portentoso
E il mollusco cede, il guscio si rompe e la pappa arriva.
Forse era la lontra.
Dunque mi sto ardimentando per provocare una bella svoltona.
E me la merito e si.

Mi manca
Uscire la sera
Ballare
Divertirmi

Ho

Ripulito il garage. Lavoro duro di cinque settimane.
I lavori iniziano lunedì
Sono carica
Zero paura
Messo in ordine la cabina armadio e le due tavernette.

Devo

Sistemare il salone si cercano braccia forti, little baby non si è iscritto alla selezione
Finire dieta e gym ma sto ultimando la seconda settimana in cinque giorni.
Riordinare i pensieri di mia madre
Sfoggiare un bel sorriso

Per il resto ce la sto mettendo tutta.
Sono tornata nel paese di de riso, e e che montagne che panorama, che pizza, ma ho resistito, resisto perché lo voglio e adesso voglio vedermi allo specchio e non vergognarmi di quanto cucino bene.
Poi chi l ha detto che siamo tutti nella stessa barca ? Vorrei fare più foto, voglio accendere in me il pensiero socratico di trovare tutte le risposte e sentire il cosmo che mi attraversa con la sua energia e mi rende forte.
Del libro non so che dirvi, disperso, ma boh.

Come passerete i giorni del primo maggio lungo ponte ? Io ho un calendario bianco si accettano suggerimenti che non siano lavorativi, sono riposativi.

Passo e chiudo missione compiuta agente Grace è soddisfatta della sua tempra.
Temperinoooooo dove sei.

Stavo per mettere giù perché voglio essere sintetica cercando di non spaventare i lettori con paginone.
Ma che mi frega.
Devo appuntare qui quanto sia importante la TV come modello per me.
Oddio certa TV.
In realtà fin da piccola la TV e i libri mi erano di ispirazione, ma se i romanzi di viaggi mi stuzzicavano i telefilm sulla vita vera mi aiutavano a svoltare, a rispondere, a difendermi.
Ora i libri di ciò che ha detto Socrate perché in realtà non ha scritto ma ha detto, preso oggi il libricino mi danno ragione, i suoi pensieri quelli sul ragionare sono parte di me e del libro.
Ma i telefilm e torno a ripetere
Arnold
Mom
The middle
Gli ultimi due perché il primo è parecchio vecchio, li attendo con ansia e mi piace un sacco sapere che qualcuno li ha inventati e me ne vedrei puntate intere a sfilza se li passassero e avessi tempo.
Qualcuno di voi si è accorto che sono tornati i passeri ? Qui erano spariti, sono tornati.
Ora perché Sue e Christie sono il mio mito insieme a Bonnie ? Perché sbagliano ma sorridono, si ardimentano ma spesso non va, eppure se tornando a casa sorridevo era perché mi ispiravo pesantemente a loro
Voi avete un Mito ?
Avete una tipologia di maniera a cui ispirarvi o fate per come vi hanno insegnato o come vi capita ?
Io in genere devo aggiustare un po il tiro per non demoralizzarmi e per questo debbo ironizzare, vedere il lato comico, ridere.
E ridendo mi si aggiustano un sacco di cose.
Buone feste, visto che qua è tutto un festeggiamento da ponticello spero di fare tanta gym all aperto adoroooooooo.
Ecco vi lascio due foto una è riconoscibile senza aiutino, e l altra è una città rimasta celata per quasi due millenni bha chiassa quale sarà, ricco premio a chi indovinannnnnimageimage

Grazie gym

Gym, sveglia pantofolai della domenica.
Oggi riprendo a fare ginnastica a terra motivata da due giorni di dieta depurante è attiva, i risultati splendono.
E io come Sue della sit com the Middle una famiglia del mid west precisamente indiana, stato del’ Indiana che per chi va in America entra un po nella loro mentalità, quindi mi capirete.
Questa esilarante Sue è il mio mito insieme al bambino gatto a Brick suo fratello, alla madre, comunque per farla breve oggi vi porziono foto mie con tanto di calzino sotto i collant antisfilamento il massimo del sex appeal insomma a meno che mio figlio non mi scatti una foto intera eccovi i pezzettini della mia gym pancia piatta, è tutto sodo.
Perché parlare di questo perché fa parte anche questo del libro la Grazia, ma quante cosine ci sono dentro ?
Beh quando uscirà vedrete se vorrete, per ora beccatevi la mia versione di Sue che ride sempre nonostante l apparecchio e tanto altro, buona domenica navigatori e polene!!!!!
Mi sento tanto don Chisciotte con il catino pieno d acqua in testa al posto del elmetto Sancho ferrami il destriero debbo combattere i marrani!imageimage

Etre

Il divino.
Divinizzare.
Divino.
Di vino.
De riso.
De_staccato_riso.
Avete mai incontrato una persona credendo che è perfetta per voi ?
Avete mai infilato così tante perline da costruirci una collana ?
Avete mai perso una persona cercando di non pensarci più ?
Tra tutti i ragazzi che ho conosciuto nella mia vita ci sono due Adoni.
Due ragazzi bellissimi che ho conosciuto da piccola, avevano entrambi una dialettica simpatica e gioviale, un filo di intelligenza che non guasta e il fisico atletico oltre che un volto dionisiaco.
Il secondo lo chiamerò De riso che in realtà è anche il suo cognome, e rappresenta tutto ciò che era, una persona solare da squarciare anche il cielo plumbeo della notte.
Non ho avuto con lui nessun tipo di relazione, per questo lo posso divinizzare, o forse ha in se qualcosa di divino.
Di tanto in tanto mi preoccupo di come sta, in modo discreto vado a sbirciare le sue pagine, sempre mute per il troppo da fare, chiamo suo cugino che è anche il suo collaboratore, una volta, leggo come evolve e dove va in vacanza.
Di recente mi ha spiazzata inserendo foto in cui non lo riconosco.
Diceva che senza barba stava male e aveva ragione, quasi sembra malaticcio e lattiginoso.
Lo rividi al mare due anni fa e il fisico smilzo e rachitico aveva ceduto il posto a un corpo acrobatico e……atletico, un Adone.
Sono di parte gli uomini belli mi conquistano.
Lui mi diede la possibilità di non odiarlo.
Ma lo avrei odiato ?
Vedo sua moglie in foto così felice, mi sorprende che abbia scelto una ragazza come me scura e non appariscente, discreta , timida, la sua ombra.
Un solo figlio.
Proprio lui che teneva in braccio la figlia del suo amico come se fosse da sempre stato un papà. Assolutamente rilassato con una bimba di pochi anni.
Quanto mi manca ?
Non saprei dirlo ma in una maniera dolorosa.
La grazia scendi dalla croce serve la legna…
Di recente sit con come Mom e middle mi tengono attiva, nella puntata di ieri Christie si poneva il problema dell’ alcool.
Drink or drunk la differenza è lieve.
Quanti di voi vogliono completamente ripulirsi ?
Sue invece lancia il motto tutto americano dell’ osare, spendere tutto per poi rifarsi.
Vivere a mille per far girare la ruota.
Quanti di voi vivono a mille ?
Non guardate me …..
A volte penso che che non ho osato abbastanza con M. Che avrei dovuto strafare, che avrei dovuto fare follie…..a volte penso che non era per me, punto.
Ma sarei felice con lui ?
Credo che lo avrei lasciato come quella sera per strada dicendogli Basta non ti sopporto più.
Eppure il suo parlare petulante e ironico mi manca, mi mancano quella manciata di ricordi, inseguire il cugino, pensare di fare i capricci per dargli una molla.
Mi tengo i ricordi, mi tengo la sua improbabile perfezione, una cosa mi scoccia che le due rare volte che ci siamo visti ha fatto finta di non conoscermi, o almeno credo.
Forse non ricorda nemmeno chi ero…….
Ci vieni a mangiare polpette Gino alle quattro del mattino a casa del mio amico ? sua mamma me le fa, vengono un po di amici…
Fino alle quattro ? Ma quante polpette fa ?
Ma ti pare il programma per un primo appuntamentooooooo ?
Si Michele ci vengo fino al mattino e oltreimage

il colore di capelli carota del capodanno, sto meglio adesso tranquilli

Libri, cibo, e peso, i consigli della Grazia

 

 

Come regalo di pasqua la Grazia ha ricevuto sei kg.
Oggi all alba ha iniziato la re mise ne forme se qualcuno di voi sa fare il primo esercizio senza poggiare la mano a terra, la grazia no.
Per cui stava iniziando anche il programma del giorno successivo visto che oggi è martedì, magari ve lo fotografa se qualcuno di voi volesse parttecipare
In teoria è leggibile.
La grazia e little baby nelle feste hanno letto tanti libri, soprattutto di storia. La grazia è innamorata di Alessandria d Egitto e di tutta l’ antichità dove il sapere e la conoscenza non avevano limiti.
Per il menù delle feste la grazia avrebbe optato per una dieta vegana ma poi ha girato in lungo e in largo per le spese per avere una tavolata da buffet da re.
Little baby mangia e balla a buffet, e ora pesano lo stesso peso, vince la grazia per 400gr.
Little baby ha riposto i libri di storia sullo scaffale più alto senza bisogno dello scaletto…….
Ma i libri restano nel cuore leggete, imparate, osservate…..
Tra un po’ di giorni la grazia inizierà i lavori a casa inviatele pensieri felici li acchiapperà tutti con un retino delle fate.
La grazia inizia oggi pomeriggio la remise en forme del guardaroba, cercando di gettar via qualcosa.
La grazia ha iniziato a stilare la lista dei desideri 150-49=101 che iniziano con io voglio, voglio dunque ottengo. Si sta meravigliando di se stessa. Trovate tutto sul web regole e autore.
La grazia consiglia libri, la grazia legge libri, la grazia ama i libri. La grazia prepara le valigie anche per i libri…….amori.
Nei prossimi giorni aggiornamenti dai monti e si organizzano seriamente vacanze anche solo di un giorno a Roma si cercano blogger propensi.

Stand up

Si apre la bella stagione, e anche se d inverno provo a vestire in modo carino con sopra un pesante cappotto di montone ecologico, dalla primavera in poi non ho più scuse e devo riprendere confidenza con il mio corpo in attesa dell’ estate che tutte le fobie spazza via.
Mai ho fatto auguri più sentiti come quelli per il mio agente, che presto avrà un busto potrà camminare e forse ci conosceremo.
Il mio agente si sta spaccando in quattro per me, è il suo fiero modo di lavorare e farmi sentire compresa, guidata e felice.
I miei sogni si attorcigliano altrove, ritrovo il senso del libro, cerco di mediare una possibile presentazione in video che ne agevoli la comprensione indipendentemente dal pensiero di partenza degli individui e finché sono ben organizzata tutto scivola.
Un uomo a letto che non può camminare per ragioni di salute mi sta rimettendo in piedi e si occupa dei miei problemi inviandomi persone che facilitano le cose da sbrigare.
Finalmente dopo anni che le mie vicende erano seguite da tecnici che rinviavano finalmente mi sento più ancorata a gente che è dalla mia parte.
Oggi ho festeggiato con dolce troppo tanto e nel pomeriggio andrò al mare forse e camminerò e respirerò.
Spero che anche oggi diano in TV delle serie televisive che mi piaccio Mom e The middle e lasciatevelo dire l’ America è un grande paese, c’è di tutto buoni, belli e cattivi, ma è Grande ci si può perdere.
Indico da oggi una ricerca per itinerari di viaggio, chi vuole viaggiare con me ? Si prediligono quelli meno onerosi, a scrocco di associazioni, pardon con ospitalità gratuita e convenzioni.
C’è la farò.
Io ce la farò.
Realizzerò i miei desideri.
Quanti desideri avete ?

image

La Grazia e la morte

imagePost macabro vietato ai malati di cuore.
Oggi pomeriggio nel caldo sole io e mio figlio siamo andati a fare il Sepolcro, espressione dialettale con la quale si intende recarsi in chiesa inginocchiarsi dinanzi all eucarestia posta a terra su un letto di grano giallo oro.
Invece abbiamo salutato don Franco in sagrestia e little baby gli ha fatto domande serie sul radersi, la sua nuova passione, ovviamente ho parlato di mio padre e di ciò che amava fare all età del parroco.
Siamo stati brevi e siamo usciti al sole per poi arrivare su un alto colle nel meraviglioso meriggio splendente tra pini a ombrello, rubirie in fiore, eucalipti sgomenti. Un vulcano ci si prospettava davanti nella sua magnificenza orgogliosa.
Non ho fatto foto, esco senza telefono è la nuova moda salutista.
Associo a questi giorni la giornata più triste della partenza di mio padre per le Barbados…….collego fatti e sogni di quel periodo ed ero tutta intenzionata a farvene partecipi, per egoisticamente liberarmene che da un ventennio me li porto dietro, ma credo che appartengano più a me che alla condivisione.
Vi ho graziati in un certo senso.
Ma cosa era quel panorama, tornerò domani per fare degli scatti e condividerli con voi, mio padre mi ha donato questo mondo inzozzato e meraviglioso.
E io ne sono contenta, partecipo, finalmente partecipo un po a questo Cosmo, orripilante macabro e di grande bellezza paesaggistica.
Quel tramonto mi ha inorgoglita, l ho sentito in me come un regalo, sembrava che tutto l’universo me lo inviasse e mi dicesse goditelo.
Little baby andava di fretta, io ci stavo attenta che la processionaria mi fa allergia, sarei rimasta,fino a sera, fino a notte e oltre, avrebbero dovuto recuperarmi quelli del soccorso delle foreste.
Invece siamo ridiscesi,,e più scendevamo più ricordavo non solo cosa preparare per cena, ma che ovunque, ma proprio ovunque sentirò che il Cosmo mi abbraccia, mi lusinga di attenzioni, mi dà pace nella lotta, e dove non ho forze converge affinché mi arrivino maree di forza.
Ieri mattina presto eravamo in spiaggia a camminare, niente foto neanche li ma ci penso, spero, sono intenzionata a passare questi giorni wild, almeno un poco.
Domenica è giorno di luce per noi, voi come state ?

ultimissima riflessione da cui si origina quanto scritto credete davvero che la gioia nasca dal dolore, dal cemento, dal tormento ?

no perché se è così me ne vado, ogni volta che leggo questi sentimenti sul web, penso  che sono scritti da persone tormentate che non posso aiutare, ammesso che io possa aiutare qualcuno, non ce la posso fare.

il dolore della perdita di mio padre ha generato in me solo dolore, le mie battaglie, mi hanno procurato solo disprezzo e dolore, la gioia èun a altra cosa nasce secondo me dalla comprensione.

mi spiego meglio se,faccio guidare la mia vita ad altri, metti il fato, quell uomo corpulento vestito con un tutu rosa, non posso che aspettarmi di dover chiudere gli occhi e lasciar fare.

perche tanta gente fa così ?

spiegatemelo, ho vissuto per anni accanto a un uomo sempre al timone,mio padre, e finché c era lui tutto andava liscio, lui non delegava quasi mai, ma si sovraccaricava.

invece c’è un mucchio di gente che si affida, sarà perché vede negli altri una sorta di candore…….

ovviamente anche io i sono affidata qualche volta, altrimenti non sarei qui…….

muble MUBLE vado ad affidarmi ai miei pensieri…….

Il giardino triste e senza nessuna grazia

Il giardino.
Dopo che è passato il trattore, dopo la potatura, dopo mio padre.
Qualche notte fa ho sognato mio padre in giardino che piegava delle tovaglie che erano volate.
Il giardino quando c’era lui nel sogno era intatto il viale era un pergolato di vite, alias vigneto, c’erano pergolati ovunque di vite e alberi frondosi ben cinque alberi di limoni si sono seccati dopo la sua dipartita, quell’ estate stessa.
Sono rimasta anni e anni senza mai andarci senza mai prendere un mandarino né un arancio, né tutte quelle cose che mia madre faceva piantare.
Ho vissuto odiando e torturandomi. Eppure qualche tempo fa sogno il giardino con le stesse ombre gli stessi odori, e lui sempre a fare qualcosa …..
Ma piegare le tovaglie in giardino mi torna nuova, l’ho visto piegare nel deposito, ma la mia mente ha costruito quel ricordo o forse lui è davvero li e piega.
Piega le tovaglie dove abbiamo banchettato in tanti, il mio sogno olfattivo è buonista, non ci sono sentimenti, tutto è pacato, un giardino dove forse aveva piovuto, molto invernale ma ricco di foglie.
Ed ecco come si presenta invece adesso arido, sbranato, stanco, senza di lui non vi è ordine ne disciplina ognuno fa come gli pare, in realtà nessuno fa qualcosa che sia importante per questo terreno, che è triste.
Voglio andarmene perché non ho più niente qui, terra brulla senza padrone.
Terra che piange il suo padrone, terra che lo ricorda e non accetta niente altro.
Ringrazio questi alberi di essere andati avanti anche dopo di lui, di avermi ricordato che da qualche parte le lacrime le dovevo lasciare.
Fiumi di lacrime anni e anni, per l’ assenza, per lo strappo.
E mi restano solo i sogni dove lui viene con un cane bianco, con un auto bianca, con una felpa bianca.
Anni fa lo sognai sgomento che urlava e metteva a soqquadro il deposito lanciando fuori tutta la merce, mi spaventai tanto, poi dopo secoli compresi che la sua rabbia era dovuta a situazioni e persone che tramavano dietro colpendo le spalle.
Proprio lui che tutta la vita è stato così diretto non poteva tollerare nemmeno dopo la morte la menzogna, l’inganno e la devastazione che segue la violenza.
C’è qualcosa che ci unisce e ci unirà sempre.
Forse vorrei somigliargli di più.
In questi giorni riflettevo sui suoi difetti, sul suo percorso e gli inevitabili errori.
Da piccola nonostante avessimo cambiato casa, aveva un mobile che si ostinava a portarsi dietro era una vecchia credenza in tek.
In un cassetto largo quanto due spanne vi teneva serbate tantissime chiavi.
Del tutto inutili, alcune arrugginite, altre che avevano perso da anni la porta alla quale appartenevano e perfino la serratura e la maniglia, che ragione vi fosse nel conservarle ?
Mia madre lavava e decorava la credenza di carta da parati, uso comune in quegli anni, ma tennero il cassetto per anni.
Noi bambini ci appropriammo delle chiavi più romantiche piene di volute fin poi a farle sparire tutte.
Mio padre era geloso di quel cassetto in modo malinconico.
Spesso parlava della prima moglie di cui porto il nome, e del dolore.
Ma riflettendo ho capito perché avesse proprio lui tanto devoto alla pulizia un cassetto simile in cucina.
La chiave è apertura e chiusura.
Con la chiave aveva chiuso tante volte le porte mettendo il mondo fuori per rintanarsi con il suo amore.
Il primo pensiero del mattino era trovare le chiavi per aprire al nuovo giorno un nuovo lavoro.
E smantellando case e porte gli erano rimaste le chiavi, un titolo di proprietà sul passato pieno di ricordi, dolci e cattivi.
Alcune porte vecchie a vetri le teneva accatastate nel deposito dietro i rotoli di stoffa.
Vorrei svegliarmi un giorno aprire quelle porte inserendo la chiave giusta per ritrovarlo.
Vorrei aprire la porta di casa e trovarmelo davanti.
Che ci fai qua?
Mi sei mancato un mondo, sei stanco ? Hai fame ? Ho imparato a cucinare bene, il lavoro ? Non me lo chiedere mi dovrai insegnare tante cose, ma se una cosa l’ho imparata è a conservare. Chiavi ricordi cose importanti te.image.jpeg